I 20 borghi più belli d’Italia del 2018

di lettura

La piattaforma Skyscanner ogni anno elegge i 20 borghi più belli d’Italia. Ecco l’elenco dei luoghi da scoprire.

Piccoli gioielli italiani selezionati anche grazie alle segnalazioni e ai commenti degli utenti Skyscanner. Vengono presi in considerazione piccoli centri con popolazione inferiore ai 35mila abitanti, con un borgo ben conservato in grado di esprimere le caratteristiche architettoniche e del paesaggio della propria Regione.

1. Avise (AO) – Valle d’Aosta

Il piccolo comune di Avise, con i suoi tre castelli (Cré, Blonay e Avise) affonda le sue radici nel Medioevo. Questo paese a pochi chilometri da Courmayeur un tempo era passaggio obbligato per la Gallia.
Campanili romanici, torri merlate, vitigni di Petit Rouge.

2. Canelli (AT) – Piemonte

In provincia di Asti c’è un paese bellissimo dove il vino è linfa vitale per circa diecimila abitanti. Canelli,  borgo senza tempo sulle colline Patrimonio UNESCO delle Langhe e del Monferrato.
Rioni di Borgo e Villanuova, nel sottosuolo le “cattedrali sotterranee” le cantine che si sviluppano sotto tutta la città.

3. Noli (SV) – Liguria

Uno dei paesi più belli della Riviera di Ponente, antico centro dei Liguri, municipio romano, base bizantina, dominio longobardo e città marinara. Noli ha davvero tanto da raccontare.
Caruggi, Castello Ursino che domina la città e la spiaggia bianca a forma di mezzaluna.

4. Lenno (CO) – Lombardia

Lenno è incastonato in un’insenatura talmente bella da essere stata intitolata alla dea della bellezza. Il fascino lacustre si unisce a un clima dolce tutto l’anno che ha permesso l’introduzione dell’ulivo in epoca romana. Vari cineasti – tra cui George Lucas - hanno trasformato le bellissime ville sul lago in set d’eccezione.

5. Molveno (TN) – Trentino-Alto Adige

Il Lago del Trentino-Alto Adige attrae milioni di turisti amanti del sole e della neve delle bellissime Dolomiti di Brenta. Questa gemma purissima in superbo scrigno, come il poeta Antonio Fogazzaro amava definirla, rappresenta una delle cartoline più belle della regione.
Chiesa di San Vigilio e segheria cinquecentesca Taialacqua.

6. Marostica (VI) – Veneto

A Marostica si svolge la partita a scacchi vivente sulla Scacchiera Gigante di Piazza Castello e si producono ciliegie di primissima qualità a marchio Igp.
Due castelli scaligeri, camminamento di ronda, antico arsenale della Serenissima Doglione.

7. Tricesimo (UD) – Friuli-Venezia Giulia

Città di origine romana in provincia di Udine vanta una posizione speciale, ai piedi delle prime colline moreniche formatesi dal ghiacciaio del Tagliamento con un castello suggestivo che si è trasformato da fortezza a santuario.

8. Torriana (RN) – Emilia-Romagna

La sua Rocca sullo sperone di roccia e la vista panoramica sul mare rendono Torriana il “balcone della Romagna”. Il territorio naturalistico circostante è tutelato dall’Oasi di Protezione della fauna di Torriana-Montebello.
Testimonianze malatestiane: castelli, ruderi, torri e tele preziose; nel mese di luglio, l'evento La Collina dei Piaceri.

9. San Miniato (PI) – Toscana

In provincia di Pisa, tra meraviglie architettoniche, bellezze paesaggistiche e eccellenze gastronomiche (in particolare il tartufo bianco, protagonista della Mostra Mercato Nazionale che si svolge ogni anno a novembre). Nel 1954 qui è stato trovato il tartufo più grosso del mondo (2.520 grammi!).
Rocca di Federico II, Duomo duecentesco.

10. Campello sul Clitunno (PG) – Umbria

Sospeso nel tempo, Patrimonio Unesco, il borgo fortificato di trova a pochi chilometri da Spoleto. Le Fonti del Clitunno, ritenute sacre dai Romani, con la passeggiata lungo le sponde di un laghetto che conduce al Tempietto del Clitunno, inserito nella lista dei Patrimoni dell’Umanità.
Castello dalle mura intatte, Chiesa di San Donato, Complesso Monastico dei Barnabiti e i suoi affreschi.

11. Ripatransone (AP) – Marche

Centro storico medievale, rinascimentale e barocco famoso per il vicolo più stretto d’Italia (appena 43 centimetri). Città del miele e dell’olio, il “belvedere del Piceno” (per via della  posizione in cima a un colle stretto tra i fiumi Menocchia e Tesino), regala viste imperdibili.
Domenica dopo Pasqua festa pirotecnica del Cavallo di Fuoco

12. Pizzoferrato (CH) – Abruzzo

Faggeti, querceti e una rupe che domina il borgo di montagna a quota 1.200 m. Le case sono affacciate sulla Valle del Fiume Sangro, in provincia di Chieti. Il centro storico con le viuzze lastricate e gli edifici in pietra, la Chiesa della Madonna del Girone evocano un’atmosfera sospesa nel tempo.

13. Castel di Tora (RI) – Lazio

Pittoresco paesino del Lazio immerso nella Riserva Naturale Monte Navegna e Monte Cervia. Il Lago artificiale del Turano riflette le case del piccolo borgo che sembra un presepe sull’acqua.
Castello di Antuni e Fontana del Tritone.

14. Comune di Ischia (NA) – Campania

Mare di rara bellezza (Baia di San Montano, Spiaggia dei Maronti), sorgenti termali e cucina di tradizione nell’isola del Golfo di Napoli.
Castello Aragonese, borgo di Sant’Angelo, Monte Epomeo con chiesa rupestre.

15. Sant’Angelo Limosano (CB) – Molise

Sant’Angelo Limosano è immerso nella natura con percorsi nel verde tra campi e casolari per gli amanti del trekking (Percorso Celestiniano). Nel borgo i bastioni medievali disposti su tre livelli conducono verso la chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo.

16. San Pancrazio Salentino (BR) – Puglia

Nel bel mezzo del Tacco d’Italia, San Pancrazio Salentino con le sue masserie affonda le origini nel periodo dei Messapi. La tradizione nella produzione di vino e olio si accompagna a un ricco patrimonio architettonico.
Parco Archeologico Li Castelli insediamento risalente all’Età del Ferro

17. San Fele (PZ) – Basilicata

Il Monte Vulture fa da sfondo a San Fele. Nei suoi boschi si trova uno dei santuari più misteriosi della Basilicata, la Badia di Santa Maria di Pierno, mentre il borgo conserva  tesori artistici e religiosi come i ruderi della fortezza costruita da Ottone I di Sassonia.
Chiesa dell’Annunziata, Palazzo Frascella, foreste e cascate “U Uattenniere”.

18. Nicotera (VV) – Calabria

Le spiagge e le acque cristalline della Costa degli Dei circondano la città della Dieta Mediterranea studiata dall’americano Ancel Keys. Gli agrumeti della Piana di Gioia Tauro, gli uliveti e la macchia mediterranea circondano le case aggrappate su un colle con affaccio sul Tirreno, le Eolie e lo Stretto di Messina.
Castello e Cattedrale di Santa Maria Assunta, vecchi mulini ad acqua, quartieri del Baglio e della Giudecca.

19. San Vito Lo Capo (TP) – Sicilia

Una delle località balneari più amate della Sicilia con la sua lunga spiaggia cittadina da ammirare dall’alto del Belvedere di Macari.
Moresca Cappella di Santa Crescenzia, Santuario, torri, tonnare, Spiaggia del Bue Marino e Riserva dello Zingaro.

20. Santa Maria Navarrese (NU) – Sardegna

Con le sue spiagge bianche come il borotalco, il verde acceso della macchia mediterranea e le rocce scolpite dal vento, l’Ogliastra regalando un caleidoscopio di colori, profumi e sapori. Santa Maria Navarrese, frazione di Baunei, con la sua chiesa medievale e la terrazza affacciata sul golfo e il porticciolo. 
Cala Sisine, Cala Mariolu, Cala Goloritzè e Cala Luna.

Fonte: Skyscanner