Renzo Piano e Gino Strada insieme per l’Uganda

di lettura

Il 10 febbraio 2017 Gino Strada e Renzo Piano hanno posato la prima pietra di un Centro di chirurgia pediatrica a Entebbe, in Uganda, a 35 km dalla capitale Kampala.

Milioni di bambini muoiono ogni anno perché non hanno accesso alle cure mediche. Qualunque sia il motivo, per Gino Strada c’è un’unica opzione: “Compiere ogni sforzo possibile per salvare o migliorare la vita di milioni di esseri umani”.

Il Governo ugandese ha donato un lotto di terreno prestigioso, Renzo Piano Building Workshop ha disegnato e progettato l’ospedale in collaborazione con Tamassociati, con Milan ingegneria e Prisma engineering.

Circa 10.000 mq per un investimento totale di 23 milioni di euro. Con 3 sale operatorie e 72 posti di degenza, ambulatori, diagnostica e Guest House per i pazienti degli altri Paesi.

“Quando Gino Strada mi ha chiesto di partecipare a questa nuova sfida di EMERGENCY, non ci ho pensato due volte, ho detto immediatamente sì!” racconta Renzo Piano. “Questo ospedale sarà un modello di eccellenza medica, sostenibilità ambientale, indipendenza energetica e armoniosa distribuzione dello spazio. Vogliamo utilizzare le risorse della terra, l’acqua e il sole, i migliori traguardi della modernità, quelli veri. L’ospedale sarà edificato sulle rive del Lago Victoria, circondato da natura e alberi. La vegetazione sarà l’orizzonte dei piccoli ospiti, gli alberi come metafora del processo di guarigione“.

L’ospedale diventerà operativo a settembre 2019 e offrirà gratuitamente assistenza ai bambini con necessità chirurgiche provenienti da tutta l’Africa.

Un programma di formazione - pensato su un orizzonte decennale - coinvolgerà non solo il personale medico locale, ma tutte le risorse professionali coinvolte nel progetto per garantire la sostenibilità nel lungo periodo.

Sarà costruito in terra pisè, una tecnica di costruzione tradizionale che utilizza la terra cruda, garantendo un’inerzia termica che manterrà costanti la temperatura e l’umidita nell’edificio. Un impianto di circa 2.600 pannelli solari fotovoltaici in copertura, garantiranno il fabbisogno energetico.

L’ospedale di Entebbe sarà il secondo Centro di eccellenza della rete, dopo il Centro Salam di cardiochirurgia di Khartoum, in Sudan dell’African Network of Medical Excellence (ANME).

Video Milano Finanza