Postino robot consegna riso a domicilio in Giappone

di lettura

YAPE (Your Autonomous Pony Express) è il robot made in Italy che ha effettuato la sua prima consegna di riso a Minami Sōma (prefettura di Fukushima) per conto di Japan Post.

Il sistema di consegne a guida autonoma ideato e realizzato da e-Novia - azienda nata a Milano nel 2012 per iniziativa di un gruppo di ricercatori e docenti del Politecnico di Milano - è stato scelto dal partner del principale operatore postale nipponico (Drone Future Aviation) per avviare un progetto sperimentale innovativo.

Adatto a muoversi negli spazi urbani su marciapiede (6 chilometri orari) o su pista ciclabile (fino a 20 km orari) YAPE ha un’autonomia di 80 km. e non inquina. Grazie a due ruote con motori elettrici autonomi, effettua rotazioni sul posto e supera ostacoli come il bordo del marciapiede o le rotaie del tram.

Fase di test

La prima dimostrazione è stata effettuata con successo il 21 dicembre 2018. Il 31 gennaio YAPE ha portato un pacco di riso a una coppia di anziani. Alla fine di febbraio 2019, al termine della fase sperimentale dovrebbe iniziare la rivoluzione dei servizi di consegna giapponesi.

I progettisti italiani per superare al meglio i test hanno:

  • migliorato le sospensioni per consentire di percorrere agevolmente anche strade accidentate
  • aumentato la capacità di carico (fino a 30 chilogrammi)
  • ottimizzato l’isolamento termico per le consegne food.

Come funziona il servizio

Il mittente chiama il robot tramite una app e gli colloca il pacchetto nell’apposito vano.

Indica tramite la app il destinatario (il cui indirizzo viene determinato in modo automatico dalla sua posizione GPS se è registrato alla piattaforma) che riceverà una notifica sul suo smartphone. Alla consegna YAPE, dopo aver verificato l’identità del destinatario, abilita l'apertura del vano porta oggetti.

Grazie a questa esperienza in Giappone, YAPE consolida la sua espansione internazionale. Nei prossimi mesi sono previsti test negli Stati Uniti all’interno di grandi Outlet e progetti analoghi a quello giapponese per le consegne di prodotti food in Europa.

Vincenzo Russi, CEO  della Fabbrica di Imprese, ha commentato: “Essere selezionati come partner per affrontare una delle più affascinanti sfide per il futuro della mobilità dimostra che l’Italia è pronta a competere con le organizzazioni più innovative ed avanzate al mondo nel campo della produzione industriale hi-tech».

E-novia ha un giro d’affari di 7,5 milioni di euro e controlla o partecipa in 14 imprese. Una società si dedica a progetti di robotica collaborativa e un’altra sviluppa sistemi di logistica aziendale con veicoli a guida autonoma.

Fonte: e-novia