1 Gennaio 2019

Renzo Piano. The Art of Making Buildings

La Royal Academy of Arts di Londra celebra Renzo Piano con una mostra che rimarrà aperta fino al 20 gennaio 2019.

Londra non ospitava una esposizione dedicata al grande architetto dal 1989, quando gli venne assegnata la RIBA Royal Gold Medal for Architecture. Sul sito della Royal Academy si legge:

We reveal the vision and invention behind his pioneering work, showing how architecture can touch the human spirit”.

L’ambientazione della mostra ricorda una biblioteca (i progetti sono esposti su tavoli con sedie) e anche un museo di scienze naturali con installazioni di particolari delle opere architettoniche appese al soffitto.

Modelli di studio, schizzi, materiali d’archivio, progetti per musei, biblioteche, sedi di giornali, università, palazzi per la musica e il commercio.

Il pezzo forte, al centro della sala, l’installazione di una città immaginaria popolata dalle riproduzioni di 102 edifici creati da Piano. Il plastico delle principali opere, circondato da 16 fotografie in bianco e nero scattate da Gianni Berengo Gardin, è composto per il 90% da edifici pubblici.

Il direttore artistico del dipartimento di architettura della Royal Academy, Tim Marlow, nel presentare l’evento ha ricordato che: “Renzo Piano ama realizzare edifici pubblici perché sono progettati per far stare la gente insieme… e  cerca di realizzare architetture che possano sia lasciare un messaggio che cambiare il mondo senza però dover, per forza di cose, sedurre il pubblico”.

Tra le 16 opere esposte che illustrano il lavoro di Piano in ordine cronologico: il Centro Pompidou (Parigi, 1977), Menil Collection (Houston, 1987), Aeroporto Kansai International di Osaka (1994), Centro Culturale Jean-Marie Tjibau (Nouméa, 1998), New York Times (New York, 2007), Shard (Londra, 2012), Fondazione Pathé (Parigi, 2014), Whitney Museum of American Art (New York, 2015), Emergency Children’s Surgery Centre a Entebbe, Museo dell’Academy of Motion Pictures in costruzione a Los Angeles.

Sede: Burlington House, Piccadilly