16 Aprile 2019

Dal Museo Lamborghini al MUDETEC

di lettura

Il Museo Lamborghini diventa MUDETEC, il Museo delle Tecnologie per raccontare le innovazioni che da oltre cinquant’anni rivoluzionano il mondo automotive.

Dal Museo Lamborghini al MUDETEC

Il percorso  espositivo si rinnova e propone le icone del passato - come la 350 GT, la Miura, la Countach e la LM002 - e le vetture più recenti e esclusive come la concept ibrida Asterion, la serie limitata Centenario e la Aventador SVJ Coupè, detentrice del record al Nurbürgring.

In occasione dell’apertura il MUDETEC presenta l’esposizione “Future Shapers Since 63” (16 aprile – 31 ottobre): ogni vettura racconta il design e la tecnologia che hanno rivoluzionato e dettato nuove regole in campo automobilistico. Un viaggio in cui ogni decennio è rappresentato da una vettura iconica e da speciali installazioni.

Il Museo offre al visitatore un’esperienza:

  • interattiva grazie a schermi touch
  • immersiva  grazie alla “brain room” che consente di compiere un viaggio nel tempo tra i capolavori più rappresentativi.

Inoltre è possibile seguire le tappe della mostra con il proprio telefono tramite la app del museo, sperimentare la configurazione della propria Lamborghini con il Car Configurator oppure guidare virtualmente a bordo del nuovo simulatore.

Il Museo rafforza il suo impegno nell’attività educativa con due nuovi Laboratori didattici rivolti alle scuole:

  • “Impostazione veicolo ed ergonomia” dove si parlerà di dinamica, aerodinamica e sviluppo della struttura dei veicoli
  • “La fibra di carbonio e le sue tecnologie” per massimizzare il rapporto peso/potenza assieme all’Advanced Composite Research Center (ACRC), la divisione interna di ricerca sui materiali compositi.

Washington

10 mar 2019 7 lug 2019
Tintoretto: Artist of Renaissance Venice

Noto (Siracusa)

17 mag 2019 19 mag 2019
L’infiorata di Noto 2019

In tutta Italia

11 mag 2019 12 mag 2019
Giornata nazionale dei castelli 2019

Palazzo del Quirinale (Roma)

5 mag 2019 14 lug 2019
Mostra sulle opere d’arte recuperate dai Carabinieri