Dop economy

di lettura

Il Rapporto Ismea-Qualivita analizza le eccellenze agroalimentari italiane. La Dop Economy conta quasi 200.000 imprese, 822 denominazioni e oltre 15,2 miliardi di valore alla produzione.

Su 3.036 prodotti DOP, IGP, STG registrati a livello europeo 822 vengono prodotti in Italia che detiene il primato mondiale. Nel 2018 sono stati accreditati: la Pitina IGP (Friuli-Venezia Giulia), il Marrone di Serino IGP (Campania), la Lucanica di Picerno IGP (Basilicata) e il Cioccolato di Modica IGP (Sicilia), primo cioccolato a Indicazione Geografica al mondo.

Il comparto supera per la prima volta i 15,2 miliardi di euro di valore alla produzione (18% del valore totale del settore agroalimentare) e l’export raggiunge gli 8,8 miliardi di euro (21% dell’export agroalimentare nazionale).

Il settore Food sfiora i 7 miliardi di valore alla produzione e 3,5 miliardi all’export mentre il comparto Wine vale 8,3 miliardi alla produzione e 5,3 miliardi all’export.

Le regioni più virtuose sono: Veneto, Emilia-Romagna, Campania e Lombardia. Nel Wine Veneto prima regione per valore seguita da Toscana e Piemonte.

È Parma la provincia più “ricca”. Seguita da Udine, Caserta, Bolzano e Caserta. Nel Vino trainano Verona e Treviso seguite da Cuneo, Vicenza e Siena. Messina, Lecce e Palermo le sole città del sud nella fra le prime venti.

Social media - canali e audience

Le eccellenze Food e Wine ambasciatrici dell’Italia e dell’Italian Life Style. È quanto emerge dall’analisi delle conversazioni e del sentiment online su 50 prodotti Food e 50 Wine DOP IGP con il maggior numero di follower.

Il monitoraggio delle conversazioni online è avvenuto rilevando il numero di menzioni (volte in cui una singola parola o frase viene menzionata su diverse fonti online), gli autori unici (utenti che hanno attivato e condiviso le conversazioni), l’engagement (che indica quanto interesse ottiene un post relativo ad una specifica parola chiave considerando retweets/like/condivisioni/commenti).

Molti consumatori veicolano tramite i canali social, principalmente Instagram per il forte potere iconico, contenuti e fotografie corredate da hashtag correlati alle eccellenze enogastronomiche italiane.

Ingredienti di ricette o di piatti consumati al ristorante, bicchieri di vino fotografati con lo sfondo del paesaggio italiano: i prodotti DOP e IGP diventano “ambasciatori del gusto italiano” e diffondono nel mondo una cultura e un linguaggio legati alla vera qualità del patrimonio enogastronomico. Molte conversazioni avvengono all’estero, soprattutto negli USA.

Ad oggi, sugli 822 prodotti Food e Wine IG sono 501 quelli con un sito ufficiale (nel 2016 erano 412, per una crescita del +22%), mentre 420 hanno almeno un profilo social (contro i 268 del 2016, per un +60%).

Sono 2,4 milioni le menzioni complessive nell’ultimo anno riferite alle prime 100 IG dei settori Food e Wine, generate da oltre 1 milione di autori per un ingaggio totale di quasi 64 milioni di utenti web. Oltre all’Italia i Paesi che emergono sono soprattutto USA, Regno Unito, Germania, Brasile e Canada.

Parmigiano Reggiano DOP, Prosciutto di Parma DOP e Grana Padano DOP per il Food e Prosecco DOP, Chianti DOP e Barolo DOP per il Wine i prodotti con più menzioni sul web.

Parmigiano reggiano

1° prodotto per valore all’origine (1,34 mld €) crescita produttiva (+5,2%) ma soprattutto incremento del prezzo medio all’origine (+13,7%)

Grana padano Dop

1° prodotto per valore al consumo (2,91 mld €) grande riconoscimento sul mercato e balzo del +33,7% in un anno del valore al consumo

Pecorino romano Dop

Valori in contrazione per ribasso dei prezzi per appesantimento del mercato e quantità in calo per minore disponibilità di latte

Prosciutto di Parma Dop

Valore record degli ultimi 5 anni malgrado il calo produttivo ancora crescita del valore all’origine (+4,1%) che raggiunge 850 mln €

Prosciutto di San Daniele Dop

Vola l’export del prodotto friulano +34% di valore all’export che raggiunge la cifra record di 87 mln €

Aceto balsamico di Modena Igp

1° prodotto per valore all’export (897 mln €) con il 92% della produzione totale destinata alle esportazioni in tutto il mondo, l’export del balsamico cresce ancora del +2,5%

Mela Alto Adige Igp - Mela Val di Non Dop

Mele in calo per produzione certificata e valore; le produzioni alpine subiscono un’annata non facile da un punto di vista climatico con ricadute sul prezzo all’origine e al consumo

Sicilia Igp - Olio Evo

Boom nel primo anno di produzione dell’olio regionale, con 329 tonnellate si afferma come 5° filiera olivicola per quantità certificata

Sistema Prosecco

Cresce il valore, inarrestabile l’export con incrementi a doppia cifra per le bollicine veneto-friulane

Asti Dop

Recuperano quantità +3,5% e anche l’export: Asti Dop conquista il terzo posto tra le Dop per valore allo sfuso

Amarone Della Valpolicella Dop - Valpolicella Ripasso Dop

Boom produttivo per i rossi veronesi: Amarone della Valpolicella Dop +23% e Valpolicella Ripasso Dop +39%

Brunello di Montalcino Dop

Cresce il valore allo sfuso, Brunello nella Top ten dei vini Dop +18% valore allo sfuso, in controtendenza con i grandi rossi toscani.