La Banca del suono di Cremona

di lettura

La banca dati con le note di quattro capolavori del Museo del Violino di Cremona, presto disponibili tramite web grazie alla Banca del suono.

A Cremona - conosciuta in tutto il mondo per la scuola di liuteria, patrimonio Unesco - all’Auditorium Giovanni Arvedi, sono iniziate il 7 gennaio 2019 le registrazioni per alimentare il database di note della Banca del suono.

Un software ideato in Germania è in grado di riprodurre fedelmente la “voce”:

  • della viola «Stauffer» Girolamo Amati 1615
  • del violoncello «Stauffer» Antonio Stradivari (1700)
  • dei violini «Vesuvio» Antonio Stradivari (1727) e «Prince Doria» Guarneri del Gesù (1734).

Per più di un mese Wim Janssen (viola Amati), Andrea Nocerino (violoncello Stauffer), Antonio De Lorenzi (violino Vesuvio) e Gabriele Schiavi (Prince Doria) riprodurranno scale, note sciolte, brevi e brevissime, i vari tipi di arcata degli strumenti della scuola cremonese.

Per le registrazioni vengono utilizzati trenta microfoni e l’accesso all’area attorno all’Auditorium è stata interdetta alle automobili per garantire il silenzio assoluto.

L’archivio storico digitalizzato del suono dei violini consentirà a liutai, musicisti, compositori di avere a disposizione questi suoni unici al mondo.

Il progetto è realizzato da Audiozone studios di Piacenza, specializzata in servizi digitali, music production e sound design, in collaborazione con Comune di Cremona, Museo e network friends of Stradivari.

Auditorium Giovanni Arvedi

All’Auditorium Giovanni Arvedi è possibile anche ascoltare dal vivo la voce di questi capolavori affidati ad abili solisti che offrono attimi di intensa poesia. La sala è pensala per l'esecuzione di solisti e complessi da camera con un palcoscenico di soli 85mq. posto in posizione centrale, per garantire una visuale ottimale a tutto il pubblico. Il dialogo che si crea con gli esecutori produce una forte empatia e consente di vivere una esperienza intensa.

Linee sinuose si rincorrono e disegnano una grande scultura organica che esprime il propagarsi delle onde sonore. Per le superfici dell’Auditorium lo Studio Palù & Bianchi ha utilizzato:

  • un rivestimento con doghe di legno d’acero naturale (impiallacciato) trattato, analogamente a quanto viene praticato per gli strumenti ad arco, con vernici concepite per non alterare le qualità acustiche
  • il legno di rovere per rivestire il pavimento, le gradinate e le vie d’accesso ai vai ordini di posto
  • per il palcoscenico, un legno tenero: il Cedro Giallo dell’Alaska per le proprietà acustiche, posato su una struttura lignea appositamente calcolata.

Il biglietto dell’audizione costa 7 Euro.