Artonauti, l’album di figurine che avvicina i bambini all’arte

di lettura

Molti esperti nel campo evolutivo sottolineano l’importanza di avvicinare i bambini all'arte in quanto sviluppa le capacità espressive, il ragionamento logico e matematico.

Il progetto Artonauti, il primo album di figurine dell’arte, punta a far crescere i bambini con la bellezza negli occhi e nel cuore e a educare alla creatività attraverso la scoperta, il gioco e l’apprendimento auto - costruttivo.

I protagonisti della storia sono due bambini (Ale e Morgana) e il cane Argo (00 Setter) che compiono un viaggio nel tempo alla scoperta dei tesori dell’arte tra le piramidi egizie, lo studio di Leonardo e la Parigi Impressionista. Seguendo le avventure di Argo, Ale e Morgana i piccoli lettori si appassionano alle avventure degli artisti come veri e propri eroi.

Ogni figurina rappresenta un affresco, un dipinto, una scultura e ogni tessera svela un particolare. Il retro di ogni figurina riporta il nome dell'opera, l'autore e il museo in cui è custodita. L’album – che uscirà il 15 marzo 2019 - offre spazio a curiosità, aneddoti, giochi e indovinelli che svelano le vite degli artisti e la loro epoca storica (64 pagine, 28 illustrazioni, 65 opere d'arte, 20 quiz e indovinelli).

Nei pacchetti ci sono 5 figurine + 1 Twin card, su ogni twin card è raffigurata un'opera o un dettaglio, collezionando tutte le 25 copie di twin card i bambini possono giocare a memory anche quando l'album è finito.

Per completare l'album occorrono 216 figurine. Il sito offre l’opportunità di comprare le figurine mancanti. Attraverso lo scambio di figurine i bambini imparano a memorizzare e a riconoscere le opere associandole agli artisti che le hanno prodotte.

In futuro usciranno altri album dedicati a determinati periodi, a temi specifici e a personaggi che hanno cambiato la storia dell’umanità. Artonauti è un progetto culturale di WizArt S.r.l, un’impresa no-profit selezionata e finanziata da Fondazione Cariplo per la quarta edizione del progetto iC – Innovazione Culturale.